NGC1999

NGC1999

NGC 1999 is a dust-filled bright nebula with a vast hole of empty space represented by a black patch of sky, as can be seen in the photograph. It is a reflection nebula, and shines from the light of the variable star V380 Orionis.

It was previously believed that the black patch was a dense cloud of dust and gas which blocked light that would normally pass through, called a dark nebula. Analysis of this patch by the infrared telescope Herschel (October 9, 2009), which has the capability of penetrating such dense cloud material, resulted in continued black space. This led to the belief that either the cloud material was immensely dense or that an unexplained phenomenon had been detected.

 

 "Uno sguardo all'interno della Spada di Orione. Mie riprese di Dicembre 2018 con un riflettore 250/1250mm e un sensore Kaf8300 in Val Imagna (BG)

Mi è capitato diverse volte che amici o conoscenti mi chiedessero se le fotografie astronomiche fossero immagini che rappresentano la realtà.
Lo sono di certo. E i colori ? anche quelli sono reali ?

Ho sempre fatto un po' fatica a rispondere a questa domanda in quanto la risposta secondo me non è così semplice e scontata.
Se la realtà è ciò che i nostri occhi percepiscono allora essendo il nostro occhio un recettore istantaneo non potrà mai catturare queste forme e colori. Se osserviamo il cielo da un telescopio con un oculare purtroppo non vedremo nulla di tutto ciò.

Quindi i colori rappresentati da una fotocamera non sono 'reali' ?

In verità sembra proprio che lo siano invece da un punto di vista fisico. Una superficie sensibile alla luce (pellicola o sensore) è in grado di impressionare forme e colori NON come un recettore istantaneo ma costantemente su tempi decisi dal fotografo. in questo modo tutta la luce che cade sulla superficie viene impressionata e immagazzinata per poi apparire nell'immagine.
Se facciamo una fotografia con una macchina fotografica ad un bel paesaggio soleggiato con l'adeguata esposizione possiamo dire che i colori rappresentati sono fedeli alla realtà di ciò che viene percepito dai nostri occhi.
La stessa macchina fotografica, la stessa sera, puntata verso l'alto e con l'adeguata esposizione potrà catturare quella luce del profondo cielo e rappresentarci i colori "naturali" di quei segnali luminosi (non è il caso qui di entrare troppo nel dettaglio su modifiche che servono alla camera per essere più sensibile a certe lunghezze d'onda e tante altre cose noiose che l'astrofotografo deve considerare).
La superficie dei sensori delle macchine fotografiche hanno una matrice di pixel colorati di rosso, verde e blu secondo uno schema ripetitivo su tutta la superficie. la somma o combinazione additiva di questi pixel colorati in base alla quantità e al segnale luminoso fanno emergere l'immagine naturale e reale. Grazie ad una corretta calibrazione di questi 3 canali (RGB) otteniamo di fatto un'immagine 'reale'. E' quindi grazie alla fotografia se possiamo vedere le forme disegnate da gas e polveri e i colori naturali dello spazio profondo.

Molte immagini in questa mia pagina sono appunto rappresentazioni in RGB del profondo cielo.

Quindi anche questa immagine che propongo oggi è naturale ?
la risposta è che in questo caso ci discostiamo dalla naturale colorazione di questa regione di cielo in quanto l'immagine è una composizione del segnale RGB ('reale e naturale') con in aggiunta nel rosso di un segnale in banda stretta proveniente dagli atomi di idrogeno ionizzato (rosso h-alpha) . Abbiamo quindi un immagine in composizione HR-GB (5h Ha , 1h RGB)

Questa tecnica viene utilizzata a volte in astrofotografia per dare più enfasi e vigore alle strutture nebulari ma inevitabilmente ci si allontana dalla 'realtà' .

Il risultato a livello estetico è quasi sempre molto affascinante, emozionante e sorprendente.

In ogni caso secondo me è sempre comunque relativo in astrofotografia parlare di colori 'reali'"

Technical Data

Bortle Scale / SQM-L Bortle 4/5  / ---
Period February  2019
Primary Scope  CCA 250/1250
Camera CCD  KAF-8300
Mount AP 1100 GTO CP4
Total Exposure Time 6h
Composition HRGB
Location Val Imagna (Bergamo) Italy

 

 © Efrem Frigeni Astrophoto

Download Free FREE High-quality Joomla! Designs • Premium Joomla 3 Templates BIGtheme.net